Salta la navigazione e vai direttamente ai contenuti Vai al menu principale Vai al menu secondario

Cooperativa Sociale ONLUS - Integrazione Lavoro

Dove ti trovi: Home > Casa Famiglia e Villetta Baura

Casa Famiglia e Villetta Baura

E DOPO?! A CASA!!!
CENTRO DI ACCOGLIENZA RESIDENZIALE E DIURNO A CARATTERE COMUNITARIO

http://www.baura.it/casafamiglia.html

Scarica il progetto in formato PDF: e dopo... A CASA!

 Progetti Innovativi nelle Politiche Sociali - Rapporto 2005
 Qualità Sociale - Ottobre 2005

Nel corso di questi anni le problematiche riguardanti le persone con disabilità gravi hanno stimolato la necessità di ricercare soluzioni sempre più idonee che, per quanto possibile, evitassero il rischio di “istituzionalizzazione” e la conseguente separazione di queste persone dai loro normali contesti di vita familiare e sociale.
Molte esperienze sono state avviate nel nostro paese in questi anni: quelle più innovative possono essere individuate nell’accoglienza comunitaria, sempre accompagnate e caratterizzate da una profonda volontà di cambiamento nei rapporti di collaborazione solidale tra le Istituzioni, gli organismi del privato sociale e le famiglie sulle decisioni da prendere e sulla gestione delle iniziative da intraprendere.
Lo sforzo deve quindi essere quello di coniugare in maniera intelligente le risorse professionali, economiche e familiari della nostra comunità locale.

IL CONTESTO LEGISLATIVO

Legge 104/92, art. 10: “I comuni […] realizzano interventi per la piena integrazione delle persone disabili privi di sostegno familiare, istituendo centri socio-riabilitativi e delle comunità-alloggio e dei servizi di comunità e di accoglienza, nonché erogazione delle prestazioni di sostituzione temporanea delle famiglie”.
Legge 328/00: l’art. 19 delinea forme di collaborazione e di concertazione anche in fase di programmazione degli interventi, stimolando in particolare le risorse locali di solidarietà e di auto-aiuto.
La legge, istituendo il piano di zona, che si adotta attraverso l’accordo di programma, favorisce una maggiore responsabilità ed una presa in carico dei problemi da parte della comunità, un maggiore raccordo tra enti locali e Terzo settore, una maggiore responsabilità e risposte innovative ai bisogni che emergono dalla comunità e che non sono soddisfatti o lo sono solo in parte.

I piani di zona devono garantire almeno i seguenti servizi a favore delle famiglie e delle persone con disabilità grave e gravissima:
1.centri diurni a carattere educativo;
2.assistenza domiciliare e servizi di sollievo per le famiglie (Legge 162/98);
3.famiglie-comunità per il “dopo di noi”.

IL CONTESTO DI FERRARA

Il lavoro sviluppato nell’ambito di applicazione della Legge 328/00 nel distretto di Ferrara, ed in particolare per quanto attiene alla predisposizione dei piani di zona nell’area “Autonomia”, ha permesso di individuare sia le prestazioni ed i servizi erogati dal pubblico, dal privato e dal privato sociale, sia quelli che servono o serviranno ai disabili ed alle loro famiglie.
Nel distretto di Ferrara diverse sono le istituzioni, gli enti pubblici e del privato sociale che si occupano e si fanno carico dei bisogni delle persone disabili, anche se molte volte in modo non collaborativo. L’opportunità della nuova legge consentirà un potenziamento dei servizi attuali, proprio grazie alla programmazione comune di tutti i soggetti individuati che, a partire dall’analisi dei bisogni, propongano risposte necessarie.
A livello distrettuale, una delle criticità emerse riguarda l’aspetto della residenzialità, indicandolo come bisogno disatteso rispetto alla domanda per le situazioni di emergenza (problemi familiari, di salute, ecc.), sia per quanto attiene a quello che viene definito come “dopo di noi” (al momento sono disponibili cinque posti residenziali e cinque per l’emergenza nel distretto).

LA ZANETTA

In seguito ad un’attenta lettura di numerose situazioni di disagio a carico di famiglie con figli disabili, alcune associazioni ferraresi segnalavano agli assessorati competenti una serie di problemi da affrontare urgentemente, con la richiesta di ricercare soluzioni personalizzate e proprio per questo non istituzionali.
In seguito alla disponibilità da parte dell’Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza “Centro Assistenza Pro Juventute” di Ferrara ad affidare un immobile di proprietà in comodato al Comune di Ferrara, ed all’impegno degli Assessori alle Politiche Familiari e ai Servizi alla Persona, Sociali e Sanitari, insieme ad alcune associazioni di famiglie di minori con disabilità fisiche e psico-fisiche, è stato elaborato un progetto di massima per la realizzazione di un centro residenziale con gestione comunitaria/familiare, contrassegnato dalle seguenti caratteristiche di fondo:
residenzialità temporanea programmata per problemi di salute o di età avanzata dei genitori;
residenzialità temporanea in casi di emergenza;
residenzialità di tipo familiare in caso di morte dei genitori;
piccole dimensioni del gruppo;
stretta relazione tra gli ospiti e gruppi familiari, volontari e operatori di cooperative sociali, per favorire l’identificazione affettiva con figure di riferimento con ruolo educativo-terapeutico;
inserimento ed integrazione in un contesto allargato di ambiente di vita;
gestione della vita quotidiana il più possibile simile ad un modello di vita familiare, per facilitare il reinserimento in un normale contesto di vita.

IL PROGETTO

Per integrare l'offerta di opportunità presenti sul distretto di Ferrara a favore delle persone disabili, la Cooperativa Sociale Integrazione Lavoro, in qualità di capofila del Comitato Ferrarese Area Disabili, realizzerà a Ferrara, località Baura, un progetto che prevede la realizzazione di un Centro Residenziale, dove ampi spazi interni ed esterni, un grande fienile, numerosi servizi e forme sempre più avanzate di laboratori (per il potenziamento delle autonomie, l’apprendimento e l’eventuale avviamento al lavoro) sono studiate per creare nuove soluzioni di inserimento sociale.
La struttura verrà organizzata in modo da far coesistere il centro residenziale e le attività diurne dei laboratori avvalendosi di un organico per l’assistenza sia diurna che notturna, tale da garantire il massimo livello di qualità.
Il progetto si rivolge a persone disabili con limitata o nulla autonomia ed è da realizzarsi in un contesto abitativo di civile abitazione, con la previsione di max 6 posti letto residenziali e 2 di pronto intervento.
Si realizza in seguito all’individuazione di uno stabile (da ristrutturare) sito a Baura (FE), composto da una civile abitazione su due piani, un grande fienile (soluzione tipica della campagna ferrarese) e circondato da un notevole scoperto. La zona si qualifica per la vicinanza ad impianti sportivi e ad associazioni con attività ricreative, culturali, socializzanti, ecc.
La realizzazione del progetto è rivolta al soddisfacimento dei seguenti bisogni:
1.famiglia-comunità per il “dopo di noi”;
2.realizzazione di periodi di residenzialità programmata a carattere socio-assistenziale;
3.sperimentazione di programmi di assistenza, anche in forma indiretta ed autogestita, per la vita indipendente delle persone non autosufficienti;
4.assistenza sociale a nuclei familiari non autosufficienti con disabili, per i quali si necessiti di soluzioni residenziali;
5.gestione di servizi sostitutivi della famiglia, per le situazioni di emergenza.

I DESTINATARI

Il progetto “E dopo?! A casa!!!” è stato voluto e creato per offrire un servizio sia residenziale che diurno all’interno di una struttura che si fonda sui principi di cittadinanza ed esalta i valori della diversità. Sarà disponibile ad accogliere persone disabili di diversa età, principalmente adulti con scarsa possibilità di inserimento lavorativo e con capacità residue e potenzialità ridotte. Saranno accolte persone con patologie gravi e gravissime per offrire loro una soluzione alternativa alla famiglia ma, comunque, all’interno di un ambiente di tipo familiare.
Scopo dell’esperienza è quello di dare spazio e proporre un modello di vita che dimostri che la "normalità" si gioca sulla forza delle diversità degli individui. Obiettivo di questo centro residenziale non è la costruzione di un villaggio “a misura di handicappato”, ma l’offerta della possibilità di vivere come gli altri nella città, nel quartiere, nella famiglia. E, quando questa non c'è, non più in strutture emarginanti ed anonime, bensì in forme che favoriscano il massimo possibile di integrazione sociale. Il modello di sviluppo comunitario consente a molte persone con handicap, e non solo, di sperimentarsi in tutti gli aspetti della vita quotidiana. Abitare in un condominio, fare la spesa, crearsi una famiglia ed accompagnare i figli a scuola, sono per molti il necessario tirocinio verso una vita pienamente autonoma. Conseguentemente a ciò, la piena integrazione presuppone un territorio consapevole dei problemi dell'handicap, capace di organizzare servizi, di eliminare barriere, di favorire l'inserimento in ogni aspetto della vita sociale.

METODOLOGIA

La costituzione di un nucleo di accoglienza a carattere familiare e la realizzazione del progetto prevedono un processo composto di varie fasi collegate fra loro, tutte ugualmente importanti ed alcune già avviate:
la ricognizione sul territorio del bisogno in relazione alla residenzialità;
la ricognizione delle risorse: personali, familiari, volontari e di contesto territoriale;
l’elaborazione di un programma di attività (alcune specificate in seguito);
la presa in carico delle persone disabili;
la verifica condivisa in itinere.

Il collegamento fra i diversi referenti ed attori del progetto va realizzato nelle diverse fasi di progettazione e realizzazione e può essere così sintetizzato:
ascolto e/o segnalazione dei bisogni, per condividere fin dalla prima segnalazione le informazioni sulle necessità delle persone disabili e delle loro famiglie mettendo in rete le diverse fonti informative che ente pubblico ed associazioni hanno a disposizione per arrivare ad una
analisi dei problemi, individuando le priorità di intervento, i mezzi a disposizione, le competenze necessarie in un lavoro di équipe che possa portare a
strategie di intervento comuni e condivise per la realizzazione di percorsi legati non a singoli settori ma all’intero “tempo vita” delle persone disabili, con alla base una
documentazione delle attività basata su una modulistica unica che diventa metodo pedagogico di intervento, creando nel tempo una “banca dati” che permetta di avere maggiore velocità e precisione nell’individuazione dei problemi ed una visione completa degli interventi in atto per una
verifica del progetto, da svolgersi in itinere sui singoli interventi e che sia condivisa da tutti gli attori coinvolti: Ente pubblico, Associazioni, Cooperativa, persone disabili, famiglie, volontari ed operatori.


 LA STRUTTURA

Si trova in un area definita “Zanetta”, un lotto di terreno di 28 mila metri quadri in cui insistono la casa coloniale su due piani ed un grande il fienile adiacenti a strutture sportive e ricreative già funzionanti nel cuore della Circoscrizione di Ferrara Nord-Est, a Baura.
La residenza si articolerà in tre moduli.
1)La comunità di accoglienza con sei posti fissi e due per l’emergenza in camere da uno o due letti, più gli spazi comuni della Comunità: il soggiorno, la sala da pranzo, la biblioteca, il rilassamento.
2)Un appartamento per residenza della famiglia “gestrice” del Centro.
3)Laboratori per la terapia occupazionale, per la formazione, per un inserimento che integra l’esperienza di quanti possono ancora continuare a vivere in famiglia.

L’ORGANIZZAZIONE INTERNA DEL CENTRO DI CONVIVENZA

Assicura il soddisfacimento dei bisogni primari ed assistenziali degli ospiti;
garantisce il collegamento con l’assistenza sanitaria di base, specialistica e riabilitativa;
stimola e cura il mantenimento dell’autonomia fisica delle persone in comunità;
favorisce l’autogestione e la condivisione degli ideali di crescita e dignità della persona umana per instaurare un rapporto familiare, solidale e relazionale;
promuove attività lavorative individuali e/o di gruppo tenuto conto delle capacità e delle attitudini di ciascuno.

L'ORGANICO DEL CENTRO

Prevede una tipologia di personale rispondente agli standards organizzativi previsti dalle leggi vigenti in materia socio-assistenziale, distinto come segue:
una coppia di coniugi per la conduzione della casa (di cui uno retribuito);
un educatore professionale;
3 assistenti di base;
addetti ai servizi vari propri di una comunità (collaboratori);
volontari ed obiettori di coscienza.




I SERVIZI

A disposizione dei disabili residenti in Comunità, degli utenti del centro diurno, ma anche degli esterni che ne facciano richiesta, saranno attivi alcuni servizi garantiti da operatori specializzati nei diversi settori di competenza:
servizio di trasporto;
attività individuali e di gruppo;
centro di inserimento socio-lavorativo con obiettivi di tipo educativo, formativo e occupazionale;
centro informazioni e consulenza sugli ausili tecnici ed informatici e dell'accessibilità ambientale per l'autonomia della persona disabile;
S.A.P. (Servizio di Aiuto alla Persona);
appartamenti domotizzati;
collegamento con l’Ausilioteca di Bologna;
novità e segnalazioni (informazioni, aggiornamenti e avvisi relativi a convegni, seminari,
nuovi prodotti, nuovi servizi e quanto avviene a Ferrara e nel mondo).


ALCUNI LABORATORI POSSIBILI

A disposizione dei disabili residenti in Comunità, degli utenti del centro diurno, ma anche degli esterni che ne facciano richiesta, saranno attivi alcuni laboratori gestiti da operatori specializzati nei diversi settori di competenza:

Falegnameria
Questa attività risulta particolarmente efficace nel recupero delle abilità di manualità fine e per sviluppare la capacità di lavorare all’interno di un gruppo, valorizzando ciascuno per quello che può fare.
Il lavoro con il legno, se ben progettato, può permettere di ottenere risultati ottimi utilizzando competenze piuttosto semplici e decisamente alla portata degli utenti. Obiettivo del laboratorio potrà essere quello di produrre oggetti realmente vendibili sul mercato: saranno quindi particolarmente coinvolte quelle persone che dimostreranno una buona capacità manuale ed una maturità tale da potere affrontare vere e proprie esperienze di lavoro.
Proseguendo con l’esperienza si potranno realizzare diversi lavori sia per un mercato “protetto” (bancarelle, iniziative delle associazioni, ecc.) che per clienti esterni.

Art Therapy
Il laboratorio rafforza l’autostima e la capacità di esprimere emozioni attraverso un percorso con la musica e l’espressione pittorica. Per molti è fondamentale avere momenti “propri” in cui poter esprimere esperienze, emozioni, sogni, stati d’animo, angosce; il laboratorio inoltre permette di confrontare tali sentimenti all’interno di un gruppo, facendo cadere le barriere fra le persone ed anche fra i ruoli che queste ricoprono.
Si potranno prevedere momenti di relazione individuale, per seguire in modo personalizzato alcuni obiettivi specifici, per dare a tutti la capacità e le motivazioni per partecipare alle attività del gruppo.
Le produzioni pittoriche saranno conservate ed utilizzate in parte per “arredare” l’ambiente ed in parte per fare avere ai partecipanti una “memoria storica” non basata sulla scansione temporale ma sugli stati d’animo, sulle diverse emozioni che sono riusciti ad esprimere ed a “fotografare” sul foglio di carta

Teatro
L’attività è finalizzata alla realizzazione di spettacoli, da svolgere in collaborazione con le associazioni presenti nella “Bottega delle arti e dei mestieri”, in cui i ragazzi diventano protagonisti di “storie” da loro inventate, sceneggiate, costruite anche nelle parti scenografiche.
L’obiettivo di realizzare veri e propri spettacoli diventa la molla per sviluppare una serie di tematiche legate alla crescita personale, alla capacità di mettersi in discussione e di codificare in modo da renderle trasmissibili ad altri emozioni, sentimenti, vissuti. Il teatro è infatti uno strumento molto adatto per potere rappresentare, mediati dalla finzione scenica, situazioni e stati d’animo che, in un contesto diverso, difficilmente verrebbero estroiettati e raccontati.
Il laboratorio si proporrà di utilizzare diverse tecniche (di gruppo, individuali, tecniche specifiche di recitazione, utilizzo di materiali poveri per le scenografie, ecc.) individuando le capacità di ognuno dei partecipanti e valorizzandole, nella loro diversità, per il raggiungimento di un obiettivo comune e condiviso.

Pittura su diversi materiali
Questa attività si presta particolarmente alla scomposizione del lavoro in sequenze, in modo da potere coinvolgere tutti i partecipanti ottenendo al tempo stesso prodotti di buona qualità.
Il laboratorio si potrebbe legare a quello di falegnameria, con l’obiettivo di restaurare e ridipingere in diversi modi vecchi mobili, seggiole, ecc., utilizzando il più possibile materiali “poveri” ed oggetti di uso comune, come carta, cartoncino, vetro, sassi, legno, stoffa, ecc.
Anche in questo caso l’obiettivo è quello di produrre oggetti vendibili e di buona qualità, pur considerando un periodo di rodaggio necessario all’osservazione del gruppo, all’individuazione delle competenze residue dei partecipanti ed alla specializzazione sui lavori che risultano realizzabili.

PERCORSI DI FORMAZIONE - LAVORO

La frequenza e l’apprendimento all’interno dei vari laboratori che possono essere attivati potranno in alcuni casi consentire la maturazione di esperienze pratiche di lavoro, da spendere all’interno o al di fuori della casa in alcuni possibili ambiti. A titolo esemplificativo si può pensare ad esperienze nei seguenti campi:
informatica
lavoro di ufficio (mailing – segreteria )
lavori di piccolo artigianato: confezionamento bomboniere, costruzione di giochi in legno, ecc.



FORMAZIONE

Nel progetto, proprio per il suo carattere interistituzionale e per la flessibilità di proposte, è fondamentale una formazione continua di tutte le figure educative che vi partecipano.
Proprio per questo l’organizzazione della vita della casa e dei laboratori prevede sempre momenti particolari di formazione dei volontari, delle famiglie e degli operatori, che in questo modo sviluppano abilità e competenze specifiche, in contemporanea allo sviluppo delle diverse attività.
Sono previsti inoltre momenti di formazione, in collaborazione anche con altre associazioni e cooperative, per quanto riguarda la documentazione delle attività e la capacità di progettazione nelle attività.
Sempre all’interno della formazione, anche se è forse improprio collocarla in quest’ambito, possono svilupparsi una serie di incontri su argomenti specifici (integrazione scolastica, inserimento lavorativo, problemi legali legati all’interdizione dei figli, problemi amministrativi legati a pensione ed accompagnamento) rivolti ai genitori dei ragazzi. Queste iniziative possono offrire alle famiglie opportunità , mezzi culturali e strumentali per potere sia risolvere problemi a volte molto gravi ed impellenti (ad esempio assegni di accompagnamento), che avere la capacità per poter progettare, in relazione con la rete di servizi del territorio, iniziative legate al futuro formativo, lavorativo, educativo dei propri figli.
Il coinvolgimento delle famiglie è fondamentale per avere riscontri continui e precisi sulla validità della progettazione e sulla sua aderenza alle reali esigenze e bisogni delle persone disabili, non per ultimo la disponibilità alla gestione diretta con altri soggetti delle attività legate all’accoglienza..


DALLA FAMIGLIA ALL’ACCOGLIENZA COMUNITARIA

Questi in sintesi alcuni percorsi che si possono sviluppare avviando in maniera innovativa risposte adeguate che tendano a non sradicare i disabili dai loro contesti familiari-parentali e offrire a coloro che possono trovarsi senza il sostegno della propria famiglia la possibilità di vivere in un contesto per quanto possibile familiare. Le attività sopra esposte, condivise e monitorate, possono dimostrarsi adeguate ai bisogni del territorio e ben calibrate sulle esigenze dei disabili e delle loro famiglie aggiungendo però elementi di cambiamento ed evoluzione che possono essere così sintetizzati:
maggiori legami con i Centri Educativi Riabilitativi del territorio per arrivare e percorsi comuni a livello educativo e di socializzazione;
collegamento con S.A.P. (Servizio di Aiuto alla Persona), servizio appartamenti domotizzati (per esperienze di vita indipendente), ecc.;
collaborazione con le attività confinanti (Pro Loco, associazioni sportive e ricreative) del territorio;
maggiore legame con il mondo del lavoro per rispondere in modo più adeguato alle esigenze delle persone disabili che per età e capacità sono in grado di affrontare esperienze lavorative.


In definitiva, l’obiettivo di questo progetto è quello di dare a questo tipo di proposta una continuità ed un peso molto forte all’interno della nostra comunità, continuando a rafforzare la rete dei soggetti interessati, approfondendo i migliori strumenti legislativi che ne permettano la realizzazione e la continuità nel tempo. Tale percorso vuole rafforzare la collaborazione fra volontariato, cooperazione sociale, servizio pubblico e famiglie per farlo diventare uno strumento molto importante per coniugare qualità di servizio e costi di esercizio contenuti, soprattutto rispetto all’esperienza di questi anni che ci ha dimostrato come sia di fondamentale importanza la condivisione degli obiettivi fra i diversi attori coinvolti nel progetto. Tale condivisione diventerà la base per un lavoro realmente integrato.

Integrazione Lavoro Società Cooperativa Sociale ONLUS

Cooperativa regolarmente iscritta all’albo delle Coop. Sociali con determina della Regione Emilia Romagna. del 22/05/97 – n° 4074/97
P.IVA e C.F 01228900385 – N° REA 139678 - Iscritta al Registro Imprese di Ferrara al n° 01228900385
Iscrizione all’Albo Nazionale delle Cooperative Sociali n. A130003


Sede Legale: Via Ungarelli, 43 - 44121 Ferrara
Tel +39.90.3994- Fax +39.0532.93853
Email: info@integrazionelavoro.org
Email certificata: integrazionelavoro@pec.confcooperative.it

Powered by PJ- design and development with PRISCILLA CMS

Web Design XHTML/CSS by petraplatz Accesso redazione
Accesso Webmail - Privacy e cookie policy