Bottega dell’Artigiano

La Bottega dell'Artigiano

L'artigiano è chi esercita un’attività (anche artistica) per la produzione (o anche riparazione) di beni, tramite il lavoro manuale proprio e di un numero limitato di lavoranti, senza lavorazione in serie, svolta generalmente in una bottega.

Qualche decennio indietro, si mandavano “a bottega" i propri figli da vari maestri (falegnami, sarti, barbieri, calzolai ecc.) o da veri e propri maestri d'arte (pittori, scultori, orafi ecc), affinché potessero imparare il mestiere e/o affinare doti già in loro possesso.

La Bottega dell'Artigiano, completa il recupero della Corte Colonica "La Zanetta" a Baura (FE) dove sono ospitate in accoglienza residenziale e in laboratori socio-occupazionali, persone con disabilità, svantaggiate e richiedenti asilo.

Per l'acquisto e la posa in opera della struttura, pari a 30.000 euro, abbiamo bisogno del vostro aiuto!

Le donazioni (che sono detraibili) ci porteranno un passo più vicini al raggiungimento di questo sogno!

La Bottega dell’Artigiano, è finalizzata:

- alla sperimentazione di nuovi servizi socio educativi e/o socio assistenziali; 

- all' inserimento socio-lavorativo di persone con disabilità, svantaggiate e richiedenti asilo;

- a organizzare prestazioni e attività sociali e di servizio per le comunità locali.

 La Bottega dell'Artigiano si inserisce in tutta la filiera produttiva, dall’agricoltura, alla lavorazione artigianale di diversi materiali, al supporto alle attività di ristorazione del Fienile. 

Progresso:
Donati: 9.50%
Obiettivo: € 30.000

Per ringraziarvi della donazione, abbiamo pensato di creare delle ricompense. A seconda della donazione potrete ricevere:

- Vasetti di confettura con i nostri prodotti

- Ceste con prodotti a scelta

- Buono per pranzo o Cena presso il ristorante "Il Fienile" di Baura

- Incontro e pranzo con gli ospiti di Baura

- Articolo di ringraziamento sui giornali locali

- Conferenza stampa congiunta

- Targa o incisione sulle pareti della Bottega

  • Corte Colonica La Zanetta a Baura (FE)

    La Cooperativa Integrazione Lavoro a Baura a partire dal 2002 ha ripristinato i seguenti manufatti e gestisce i seguenti servizi:

    - La Casa Famiglia che ospita otto persone in residenzialità, è stata avviata nel 2005;

    - Il Fienile, luogo di eventi, ristorazione e centro socio occupazionale, che ospita 15 persone, in attività diurne, è stato avviato nel 2010;

    - Civico 77, l'ex essiccatoio trasformato in casa famiglia (piano superiore) per 5 persone e centro socio occupazionale, è stato avviato nel 2022;

    - nel corso degli anni sono stati recuperati la grande aia e il vecchio forno del paese

    - è stata riconosciuta la Fattoria Didattica nel corso del 2021

    - sono stati messi a coltivazione di orti circa 2.000 mq di terreno, per la produzione di ortaggi, da destinare al consumo, alla trasformazione e alla vendita

  • La Cooperativa Integrazione Lavoro

    Nasce nel 1992 con l’obiettivo di inserire persone con disabilità e svantaggiate nel mondo del lavoro, ha quindi intrapreso un percorso di studio e di valutazione di fattibilità sul tema dell’agricoltura sociale, della trasformazione di prodotti orto frutta e sulla lavorazione di alcuni materiali (legno, lana cardata, cartone), finalizzato alla sostenibilità ambientale, inclusione socio-lavorativa dei soggetti deboli, al fine di realizzare programmi di promozione e sviluppo dell’imprenditorialità sociale.

    In questo senso, la Cooperativa prosegue lo sviluppo di progetti di interesse nazionale a livello di possibilità di modellizzazione e replicabilità, iniziata nel 2005 con la ristrutturazione e l’avvio della prima Casa Famiglia del territorio provinciale ferrarese, ha proseguito ristrutturando l’adiacente fienile (2010), trasformato in un Hub di attività di inserimento lavorativo, in collaborazione con i servizi territoriali, e aperto a iniziative provenienti dalla città, con organizzazione di eventi, ristorazione, catering, mostre, laboratori di informatica, coltivazione di terra e trasformazione alimentare negli attigui campi e serre che sono state attivate nel frattempo. Infine con la realizzazione del progetto Civico 77, ristrutturando il vecchio essiccatoio.

  • Accoglienza residenziale e diurna (il Durante e Dopo di Noi)

    Negli ultimi anni, sempre di più emerge quanto sia importante e soprattutto efficace per una persona con disabilità (che tra l’altro nella maggior parte dei casi vive unicamente nel presente e a fatica riesce a pensarsi nel futuro) poter sperimentare situazioni di vita “Oggi”, per poter fare esperienze che l’aiuteranno ad affrontare un “Domani”.

    Questo punto di vista, implica, per i soggetti coinvolti, pensieri, vissuti, desideri, progetti ed emozioni molto diversi. E’ necessario quindi, per il benessere di tutte le parti coinvolte, creare un luogo in cui costruire un Domani condiviso, e questo luogo è l’Oggi. Diventa indispensabile quindi creare sistemi dinamici, che consentano alle persone di sperimentare e provare vari ambiti: il lavorare, l’abitare, il socializzare, l’innamorarsi, il giocare....

  • Alcune attività previste e alcuni prodotti:

    Laboratori del legno, con riutilizzo di legno ricavato dallo smontaggio dei pallet e destinato alla creazione di cassettine da decorare, utilizzate per comporre regali con marmellate e altri prodotti.

    - ideazione e creazione di bomboniere solidali, realizzate su richiesta dei clienti.

    - ripristino di vecchi mobili.

    - creazione di arredi da giardino (panche, sedie, fioriere,...).

    - laboratorio di lana cardata, per la preparazione di borse, collane, sotto pentole ecc.